Trieste

Il Consiglio comunale in diretta streaming

La conta dei voti in aula. Il Pd stuzzica la maggioranza sul piano economico-finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani: "Identico al nostro di un anno fa"

 Il Consiglio comunale si appresta a discutere oggi il Piano economico finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani del 2017. Se la maggioranza coglie l'occasione per rivendicare che non ci saranno aumenti nella bolletta sui rifiuti, il centrosinistra attacca rilevando che il piano ricalca quello del 2016 a cui il centrodestra, non ancora al governo, diede un voto negativo. Il Movimento 5 Stelle ribatte con la sua storica contrarietà «a un approccio basato sulla termovalorizzazione».

 

 

Per il capogruppo di Forza Italia Piero Camber si tratta di una buona delibera: «Il contratto con Acegas è rimasto pressoché invariato - commenta -. Il bilancio è quindi positivo. I cittadini non devono temere aumenti sulla tassa per i rifiuti per quest'anno». Inoltre, aggiunge, per lo stesso costo «siamo riusciti a ottenere anche servizi aggiuntivi».
 
La critica della capogruppo del Pd Fabiana Martini si appunta sulla forma, pur condividendo il contenuto del documento: «Il Pef del servizio di gestione dei rifiuti urbani è esattamente identico a quello dell'anno scorso, quindi noi non avremo nulla da obiettare - dichiara -. Siamo curiosi di vedere però cosa succederà in aula». E prosegue: «Se il Movimento 5 Stelle aveva votato contro nel 2016, e immagino potrà votare coerentemente anche nel 2017, mi chiedo cosa farà la maggioranza: quand'era opposizione il centrodestra aveva bocciato il Pef portato da noi, ora però mi pare difficile che decidano di votare contro il Piano della loro stessa giunta».
Così invece il capogruppo pentastellato Paolo Menis: «La nostra impostazione non cambia. Siamo sempre stati contrari a un servizio incentrato in modo prevalente sulla termovalorizzazione. Molto probabilmente voteremo contro». Inoltre, aggiunge, «non c'è stato nemmeno il tempo di approfondire, le riunioni sono state convocate da giovedì a lunedì in tutta fretta. E i milioni in ballo sono 30».
 
Quanto ai nuovi servizi che la giunta intende ottenere da Acegas, il centrodestra sottolinea come arrivino allo stesso costo dello scorso anno. Commenta Martini: «L'obiettivo è condivisibile, tutto quello che va nella direzione di una maggior pulizia del territorio e della differenziata è positivo». Cambi auspicati anche dal lato tecnico dell'amministrazione. La capogruppo Pd rileva infine come «durante il lavoro in commissione Acegas abbia relazionato sulla diffusione della differenziata in una città che, pur presentando caratteri di resistenza, sta finalmente aumentando la percentuale di raccolta ecologica». Per il Movimento 5 Stelle «c'è di positivo se non altro la raccolta dell'olio domestico, non più limitata a quattro punti», dice Menis, che conclude: «Rileviamo che il centrodestra fino all'anno scorso si lamentava della raccolta dell'umido, ma ora non ha cambiato una virgola».